Animali fantastici e dove trovarli


Cinema / mercoledì, dicembre 7th, 2016

A pochi mesi dall’uscita in libreria del cosiddetto “ottavo libro di Harry PotterLa maledizione dell’erede, che ha causato non poche critiche e malcontenti da parte dei fan più accaniti e non, il magico mondo creato dalla Rowling si è arricchito di una nuova produzione cinematografica. Ovviamente il rischio di deludere per una seconda volta in così poco tempo le aspettative del vasto ed eterogeneo pubblico era davvero alto, ma fortunatamente, così non è stato.

italy_boswell_newt_vidcon_vertical-2-691x1024_jpg_1003x0_crop_q85

Animali fantastici e dove trovarli sta attualmente riscuotendo un notevole (e meritato) successo. Scritto da J.K. Rowling e diretto da David Yates, è il primo di una nuova serie di film (ben cinque!) ambientata nell’universo “potteriano” allo stesso tempo familiare ed inedito. Infatti non siamo più accolti tra le mura dell’amata Hogwarts, non seguiamo più le vicende di Harry, Ron ed Hermione, non siamo più nemmeno in Inghilterra. La Rowling sbarca oltreoceano, più precisamente in una New York post-Guerra degli anni Venti popolata da maghi, streghe e No-Mag (Babbani). Nonostante i molteplici richiami alla saga madre, al preside Silente e alla Scuola di Magia e Stregoneria, i personaggi sono tutti completamente nuovi, ancora da scoprire e da apprezzare.

La storia ruota attorno alle vicende di Newt Scamander, interpretato dal bravissimo (e bellissimo) premio Oscar Eddie Redmayne (La teoria del tutto, The Danish girl, Les misérables), giovane mago inglese in visita a New York per una misteriosa missione. Ad accompagnarlo solo una piccola valigia di pelle consumata, che si scoprirà fin dai primi minuti non essere un semplice bagaglio a mano. Nella sua breve ma intensa avventura americana, Newt incontrerà altri personaggi fondamentali nella storia come la sfortunata Tina, interpretata da Katherine Waterston, personaggio femminile completamente diverso da quello di Hermione Granger, l’orfano Credence (Ezra Miller, ovvero il “fratello” di Emma Watson in Noi siamo infinito) e il viscido Graves (Colin Farrell).

animalifantasticieddie-banner

Oltre alle scenografie impeccabili e talvolta spettacolari grazie alle scene d’azione, anche i costumi creati da Colleen Atwood (Memorie di una Geisha, Alice in Wonderland) sono davvero studiati nel minimo dettaglio, riuscendo perfettamente a contestualizzare l’epoca e a caratterizzare l’inclinazione di ogni singolo personaggio. La trama è ricca di colpi di scena, di scontri e di combattimenti magici, di personaggi apparentemente secondari che diventano fondamentali e chiave solo verso la fine del film.

Altri grandi protagonisti della pellicola sono ovviamente loro: gli animali fantastici! Sono tanti e molto diversi tra loro, alcuni piccoli e teneri come l’Asticello, altri molto più grandi e spaventosi come il Nundu. I ruoli variano da creatura a creatura, molte hanno il compito di semplice intrattenimento e spettacolarizzazione, altre come il pestifero Snaso chiamato Niffer, sono veri e propri personaggi, con un proprio carattere e una propria individualità. Le scene che vedono come protagoniste le creature sono le più spettacolari e divertenti, per evitare di fare spoiler e rovinare quindi la visione a chi ancora non è andato al cinema, mi limiterò a dire che il mondo creato dalla Rowling si è dimostrato ancora una volta sorprendente e affascinante.

animali-fantastici5-1000x600

Nonostante il film sia d’intrattenimento e concepito anche per un pubblico molto giovane, i temi affrontati sono importanti e assolutamente attuali, come la paura del diverso, il problema dell’integrazione e il rispetto per la vita e gli esseri viventi.

Come avrete intuito dalla mia recensione, il film mi è piaciuto parecchio e non ha deluso le mie aspettative, il mondo di Harry Potter (che ormai suo non è più tanto) è stato ricreato e riproposto in maniera ineccepibile e attenta, non ho trovato cadute di stile e il film è piacevole dall’inizio alla fine, nonostante le due ore abbondanti. Andare al cinema e trovarsi nuovamente il simbolo della Warner Bros immerso nelle nuvole, accompagnato dalla ormai famosissima colonna sonora, mi ha riportata indietro nel tempo, quando da bambina e successivamente da ragazzina, andavo a vedere l’ultimo film di Harry Potter al cinema.

Per cui, cosa fate ancora qui? Correte al cinema e andate a vedere questo film che di fantastico non ha solamente gli animali.